-------Oggi è: --------

 riceviamo e pubblichiamo

Pu.Ma. Trading Taranto fa soffrire la capolista

 

PU.MA. TRADING TARANTO – PETROLMENGA CEGLIE 75-86 Pu.Ma. Trading Basket Taranto: Veccari 14, Fanelli 18, Giovara 20, Fernandez 19, Gonzalez 1, Caldarola, Alberti ne, Mattei ne, Mastropasqua 3, Montanaro. All: Caricasole. Nuova Petrolmenga Ceglie 2001: Bosnjak 31, Ciracì 6, Martignago 2, Greco 13, Argentiero, Dusels 17, Pandolfi 8, Curri, Rorundo 9, Gentile ne, Palma ne. All: Djukic. Parziali: 17-25, 34-52, 49-67. Arbitri: Michele Soldano di Trani (BT) e Francesco Anselmi di Ruvo di Puglia (BA). Spettatori: 600 circa con folta rappresentanza ospite Difficile poter fare di più al cospetto della prima della classe. La Pu.Ma. Trading Basket Taranto cede alla capolista Nuova Petrolmenga Ceglie 2001 che difende così al Palafiom il primato solitario. Ma la squadra di coach Djukic ha dovuto faticare contro gli irriducibili di coach Caricasole capaci di riaprire una partita che sembrava persa quando nel secondo quarto gli ospiti andavano anche a +25 sulla spinta di un immarcabile Bosnjak autore alla fine di 31 punti. Ed invece il Cus Jonico, come a Monopoli 7 giorni fa, ha saputo vendere cara la pelle recuperando punti su punti con Veccari 14, Fanelli 18, Giovara 20, Fernandez 19 fino al -6 che a metà dell’ultimo quarto ha fatto sognare un Palafiom finalmente pieno di tifosi rossoblu e gialloblù. Sono stati questi ultimi a festeggiare alla fine con un pizzico di rammarico soprattutto per qualche possesso buttato via nel primo tempo. Coach Caricasole all’esordio in casa sulla panchina rossoblu conferma il quintetto di Monopoli con Giovara, Fanelli, Fernandez, Gonzalez e Veccari. Coach Djukic risponde con Bosnjak, Ciracì, Martignago, Argentiero e Greco. Ceglie parte subito forte sull’asse Bosnjak-Ciracì e va avanti 10-3 nei primi possessi. Taranto però non si fa abbattere anzi tiene botta, si scuote con la tripla di Fanelli e poi torna sotto con un paio di azioni di Veccari e una tripla di Fernandez tanto che i liberi di Fanelli valgono un prezioso -2. Djukic ha una grande rotazione, mette dentro Dusels che lo ripaga con 8 punti e tiene davanti la Petrolmenga 25-17 alla fine del primo quarto. Brutto inizio del secondo quarto per il Cus che concede la seconda tripla della partita a Greco e un gioco da tre punti a Bosnjak. Coach Caricasole chiama time out e alza il tono della voce sul 17-31. La reazione è timida, segna Giovara e poco altro, Ceglie continua a dominare e va a +20, 21-41. Ma Taranto ha un sussulto con Veccari e un bel contropiede di Mastropasqua che segna, subisce fallo e realizza il libero. Il Cus torna a -15 ma solo per un attimo quelli che servono a Dusels, Bosnjak e Greco per riporta gli ospiti al massimo vantaggio, 26-51. Lo spirito rossoblu però non molla, nel finale Fanelli arma la mano di Giovara che infila un paio di triple che portano i padroni di casa sul 34-52 all’intervallo. Dusels e Bosnjak ed è subito 34-60 in apertura di terzo quarto. Ancora sull’asse Fanelli-Giovara la tripla che fa respirare Taranto, anzi Veccari e lo stesso Giovara la riportano a -19. È il momento di Taranto che infila una tripla con Fanelli e una con Fernandez e torna alla grande in partita sul 47-60 costringendo stavolta Djukic al time out. C’è un problema falli per lo spagnolo, esordisce il giovane Montanaro, ultimo innesto Virtus. Mille risorse per Ceglie che trova la tripla di Rotundo e chiude il terzo quarto allungando sul 49-67. L’ultimo quarto invece si apre alla grande per Taranto che segna da tre prima con Fernandez e poi con Fanelli per il nuovo -12. Fanelli ci prende gusto e brucia ancora la retina dalla distanza, ma non è finita perché Giovara segna, subisce il fallo e realizza il libero che proietta il Cus sul 63-69 e per Djukic è ancora time out. Ceglie capisce che deve sudare forte per vincere al Palafiom, Bosnjak e Dusels tornano ad attaccare il canestro, Greco infila l’ennesima tripla della sua serata ma il Cus oramai è in partita, Veccari prima e Fernandez dopo tengono la scia di Ceglie anche se il -10 a pochi minuti dalla fine è uno scoglio troppo grande da arginare. Fernandez infila un’altra tripla per il nuovo -7 ma non c’è più tempo per sognare e Ceglie può tornare a casa con la posta in palio. Per il Cus Jonico la conferma dei progressi delle ultime settimane ma ora serve anche ricominciare a vincere, prossima tappa, domenica 18 marzo a Manfredonia.

 

Luca Fusco

Cerca nel giornale

Pubblicità

Fatti Opinioni e Appuntamenti

  1. Editoriali
  2. Opinioni
  3. Appuntamenti
Image “Il 15 e il 16 maggio la Conferenza nazionale su clima, inquinamento atmosferico e salute”
Lunedì, 14 Maggio 2018
    Per due giorni Taranto sarà la capitale d’Italia dell’impegno a favore della Salute e contro l’inquinamento atmosferico e i... Read More...
Image Festa patronale: il programma completo (video)
Giovedì, 26 Aprile 2018
    Presentato oggi dal Vescovo di Taranto: Vocazione, Identità, Missione-Testimonianza le tre parole guida Read More...
next
prev

Politica

  1. Locale
  2. Nazionale
  3. Regionale
  4. Dal Mondo
next
prev

Meteo

Meteo Puglia

Redazione Calabria

I nostri video

Informazioni

 www.oltreilfatto.it
 Tribunale di Taranto nr. 2/2015
 Editore: Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze

 via Principe Amedeo 378 - 74121 Taranto

Partita IVA 02754720734 - REA TA - 187168
Direttore Responsabile: dott. Francesco Ruggieri
e-mail: redazione@oltreilfatto.it

Opinion Maker

Chi sono gli Opinion Maker? Vuoi diventarlo? leggi QUI

 

VISITE

Copyright

2016 Tutti i diritti riservati Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze l'utilizzo anche parziale dei contenuti (testi , foto, video) è consentita solo su epressa autorizzazione e previo citazione della fonte.