-------Oggi è: --------

CommisisoneGiustizia2

Non condivido l’atteggiamento rinunciatario del CNF

riceviamo e pubblichiamo:

Si torna a discutere in Commissione Giustizia della Camera di equo compenso per gli avvocati. Nell’ultima seduta di questi giorni ho innanzitutto ottenuto di unificare la mia proposta di legge con quella incardinata dalla stessa Commissione. L’auspicio è che al più presto si passi alla discussione in aula per approvare il provvedimento prima che abbia fine la legislatura. Non posso che condividere le preoccupazioni espresse in audizione dal presidente nazionale del Consiglio Forense. Con qualche riserva, però, in riferimento ai paletti che a mio parere vanno assolutamente posti . Comprendo che, visti i tempi ristretti a disposizione e la grande sofferenza che interessa circa 240 mila avvocati italiani, si possa in qualche modo accettare una qualunque soluzione, ancorché parziale, assumendo un atteggiamento nei fatti rinunciatario. Non condivido la logica “meglio qualcosa che nulla”. Ritengo invece che ci siano le condizioni, visto che il ministro Orlando e la maggioranza di governo hanno dichiarato la disponibilità ad accogliere le istanze della categoria, per una riforma seria e completa. In commissione ho avuto modo di segnalare alcuni punti fondamentali che a mio parere devono rientrare nella formulazione della proposta che approderà nelle aule di Montecitorio e del Senato. La classe forense è in grande sofferenza, e da troppo tempo è in attesa di un intervento concreto da parte del governo. E’ possibile accelerare i tempi e si può licenziare un provvedimento che tuteli in modo serio la categoria. E’ mio parere che si debba anche aprire la discussione sul ripristino del minimo tariffario. E, soprattutto, occorre che il provvedimento sia applicabile anche alla Pubblica Amministrazione, al momento incomprensibilmente esclusa. In ogni caso l’auspicio è che si faccia un lavoro fatto bene, che non sia il solito provvedimento tampone, parziale, pasticciato, come purtroppo molti ne sono stati prodotti in questi anni soprattutto in tema di Giustizia. Un’avvocatura tutelata, riportata alla dignità di una professione di grande rilievo sociale, è garanzia di una Giustizia più giusta, e di un’ irrinunciabile elevata qualità del servizio per i cittadini. Rilevo purtroppo di essere rimasto tra i pochi a difendere in Commissione Giustizia e in Parlamento la categoria a cui mi onoro di appartenere.

On. Avv. Gianfranco Chiarelli

Commissione Giustizia Camera dei Deputati

Roma, 8 settembre 2017

Video intervento in Commissione Giustizia Camera dei Deputati: https://youtu.be/So-Afz3OSAg

 

 

Cerca nel giornale

Pubblicità

Fatti Opinioni e Appuntamenti

  1. Editoriali
  2. Opinioni
  3. Appuntamenti
Image Domani 18 novembre la Partita del Cuore
Venerdì, 17 Novembre 2017
      Read More...
Image Premio Italia Olimpo: ottava edizione dell’evento per giovani pianisti.
Giovedì, 16 Novembre 2017
Alle ore 18 nel salone di rappresentanza della provincia la serata di gala e le premiazioni Read More...
Image Festival Rintone Senti chi Parla
Mercoledì, 15 Novembre 2017
Read More...
Image XII edizione di "Natale tra la Gente"
Mercoledì, 15 Novembre 2017
Pettolata del Comitato di via Giusti: tradizione e beneficienza Read More...
next
prev

Politica

  1. Locale
  2. Nazionale
  3. Regionale
  4. Dal Mondo
next
prev

Meteo

Meteo Puglia

Redazione Calabria

I nostri video

Informazioni

 www.oltreilfatto.it
 Tribunale di Taranto nr. 2/2015
 Editore: Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze

 via Principe Amedeo 378 - 74121 Taranto

Partita IVA 02754720734 - REA TA - 187168
Direttore Responsabile: dott. Francesco Ruggieri
e-mail: redazione@oltreilfatto.it

Opinion Maker

Chi sono gli Opinion Maker? Vuoi diventarlo? leggi QUI

 

VISITE

Copyright

2016 Tutti i diritti riservati Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze l'utilizzo anche parziale dei contenuti (testi , foto, video) è consentita solo su epressa autorizzazione e previo citazione della fonte.