-------Oggi è: --------

Rondinelli5

Il presidente Liberdem espone una sua ipotesi  e chiama all'azione il sindaco Melucci

Riceviamo dal prof. Ing. Giuseppe Rondinelli un' analisi della vicenda Ilva, alla luce degli ultimi eventi. Ipotesi verosimile. :

 

Mittal, Governo e Sindacati, giocano sporco, sulla nostra pelle. Spiego il mio pensiero. Mittal acquisisce un catorcio, per farlo funzionare attivamente deve spendere soldi, oltre quelli dell'acquisto. Poi deve realizzare i costosissimi lavori necessari per ottenere l'autorizzazione a produrre, la famosa AIA, rilasciata dal Governo. Il peso economico dei lavori AIA è il più grosso dei tre. Questo è nei fatti. Allora Mittal, ignorando gli accordi di giugno 2017 che fa ? Spara numeri di esuberi superiori a quelli pattuiti e chiede di poter fare assunzioni senza garanzie. Non spara nemmeno una parola sull'AIA. Scoppia il finimondo. Il Sindaco, i nostri politici, i sindacati uniti fanno sentire la loro voce. Calenda spara la sua: proposte inaccettabili ! Sciopero. La tensione sale.

Si teme il peggio, si ha paura che salti tutto. Gli operai hanno paura del loro futuro. 20.000 famiglie tremano. Poi finalmente il tavolo si riapre. Mittal cede sui numeri e sulle garanzie, in cambio chiede di ammorbidire e allungare la questione ambientale. È di poche ore fa la dichiarazione di Gozzi, il capo di Federacciai: con quell'AIA ILVA non può essere, dice, competitiva sul mercato. È un assist.

La trattativa infine si concluderà facendo sconti sull'AIA.

ZERO COPERTURA PARCHI. Oppure allungamenti insostenibili dei tempi per realizzare tutti i lavori previsti. E va detto anche che il mio ordine professionale ha studiato le carte AIA proposte da Mittal in una speciale commissione molto qualificata, dove sedevo anch'io, e in sostanza l'ha anche bocciata. Quindi non garantisce un granché, il Governo dovrebbe rispedirla a Mittal.

La patata bollente ora è nelle mani del Sindaco Melucci, è lui il difensore della nostra salute come dice la Legge. Lui, se il trucchetto messo in piedi da Mittal, Governo e Sindacati, dovesse andare in porto, a tutela della nostra salute dovrà ordinare la chiusura dello stabilimento. Non vorrei essere nei suoi panni. Preliminarmente, secondo me, dovrebbe fare una Conferenza Stampa e dichiarare che ad accordo fatto lui ordinerà la chiusura, nel caso l'AIA non fosse migliorata e realizzata in poco tempo.

Sarà un autunno caldissimo. Servirà unità, competenza, determinazione e capacità di coordinazione di tutti gli attori. Ma conoscendo i soggetti in campo io la vedo nerissima.

Ing. Giuseppe RONDINELLI

Cerca nel giornale

Pubblicità

Politica

  1. Locale
  2. Nazionale
  3. Regionale
  4. Dal Mondo
next
prev

Meteo

Meteo Puglia

Redazione Calabria

I nostri video

Informazioni

 www.oltreilfatto.it
 Tribunale di Taranto nr. 2/2015
 Editore: Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze

 via Principe Amedeo 378 - 74121 Taranto

Partita IVA 02754720734 - REA TA - 187168
Direttore Responsabile: dott. Francesco Ruggieri
e-mail: redazione@oltreilfatto.it

Opinion Maker

Chi sono gli Opinion Maker? Vuoi diventarlo? leggi QUI

 

VISITE

Copyright

2016 Tutti i diritti riservati Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze l'utilizzo anche parziale dei contenuti (testi , foto, video) è consentita solo su epressa autorizzazione e previo citazione della fonte.