-------Oggi è: --------

 riceviamo e pubblichiamo

Al via la campagna elettorale di Stefania Fornaro

 

Sabato 10 febbraio Stefania Fornaro, candidata alla Camera per il centrodestra nel collegio Puglia 10, ha inaugurato il suo comitato elettorale in piazza Maria Immacolata a Taranto. Bagno di folla con amici, esponenti delle forze politiche della coalizione e sostenitori del centrodestra per la giovane candidata, insieme al coordinatore regionale di Forza Italia on. Luigi Vitali, al coordinatore provinciale di Forza Italia Michele Di Fonzo e ai candidati di Forza Italia nel collegio plurinominale Mauro D’Attis e Vincenza Labriola e Gianfranco Chiarelli nel collegio uninominale Puglia 11. «Insieme si vince», ha detto l’onorevole Vitali, «Stefania è una donna con le idee chiare e tutti insieme la sosteniamo. Per i prossimi venti giorni siamo tutti in campagna elettorale». «Stefania porta nuova energia nel circuito e con lei la squadra è più forte e completa» ha aggiunto Mauro D’Attis. «Mi impegnerò per i giovani e le famiglie del Sud, schiacciati da tasse ingiuste, carenza di lavoro e servizi. Voglio portare avanti proposte di legge come il bonus famiglia, il reddito d'infanzia, assegni e detrazioni legati a un piano straordinario per la natalità e per l’implementazione dei servizi di scuole e asili. Nel mio programma anche impegno su legalità e sicurezza, turismo ed economia circolare e sostenibile, come il fitorimedio. Servono infrastrutture per collegare Taranto a Roma, come treni veloci e autostrada fino in città» ha detto Stefania Fornaro alla sua prima uscita pubblica. E sulla recente visita del candidato premier del M5s Luigi Di Maio ha aggiunto, «sull’Ilva dimostra di avere le idee poco chiare e smentisce i suoi stessi portavoce che hanno sempre parlato di chiusura. Parla di riconversione in un periodo indefinito di 5-10 anni, senza spiegare come dovrebbe essere convertita la fabbrica e soprattutto con quali soldi spera di mantenere le 13mila famiglie degli operai. Addirittura dice che Ilva darà più posti di lavoro rispetto agli attuali. E le aziende dell’indotto e i loro 4mila lavoratori che fine faranno? Non ci è dato sapere. Mi pare un progetto irrealizzabile. A mio avviso non c’è altro tempo da perdere. Bisogna ambientalizzare la fabbrica per tutelare salute, ambiente e lavoro. Proposte fantasiose e beghe giudiziario-politiche come quelle del Pd fanno solo fuggire gli investitori dal territorio».

 

Stefania Fornaro

Cerca nel giornale

Pubblicità

Fatti Opinioni e Appuntamenti

  1. Editoriali
  2. Opinioni
  3. Appuntamenti
Image “Il 15 e il 16 maggio la Conferenza nazionale su clima, inquinamento atmosferico e salute”
Lunedì, 14 Maggio 2018
    Per due giorni Taranto sarà la capitale d’Italia dell’impegno a favore della Salute e contro l’inquinamento atmosferico e i... Read More...
Image Festa patronale: il programma completo (video)
Giovedì, 26 Aprile 2018
    Presentato oggi dal Vescovo di Taranto: Vocazione, Identità, Missione-Testimonianza le tre parole guida Read More...
next
prev

Politica

  1. Locale
  2. Nazionale
  3. Regionale
  4. Dal Mondo
next
prev

Meteo

Meteo Puglia

Redazione Calabria

I nostri video

Informazioni

 www.oltreilfatto.it
 Tribunale di Taranto nr. 2/2015
 Editore: Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze

 via Principe Amedeo 378 - 74121 Taranto

Partita IVA 02754720734 - REA TA - 187168
Direttore Responsabile: dott. Francesco Ruggieri
e-mail: redazione@oltreilfatto.it

Opinion Maker

Chi sono gli Opinion Maker? Vuoi diventarlo? leggi QUI

 

VISITE

Copyright

2016 Tutti i diritti riservati Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze l'utilizzo anche parziale dei contenuti (testi , foto, video) è consentita solo su epressa autorizzazione e previo citazione della fonte.