-------Oggi è: --------

Liviano luglio 2017

 

Vie Francigene, Liviano: La Giunta rispetti le prerogative del Consiglio che inseriva Taranto negli itinerari

 

“La Giunta regionale rispetti le prerogative e le funzioni del Consiglio regionale e includa Taranto e l’area jonica nel percorso degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa e riconosca di interesse regionale il suo innegabile e consistente patrimonio di valore storico-artistico-religioso così come contenuto, del resto, nella mozione, approvata all’unanimità dall’Aula lo scorso 25 ottobre 2016, con la quale si chiedeva di far rientrare l’area jonica nel percorso delle vie Francigene".

È questo, in estrema sintesi, quanto il consigliere regionale Gianni Liviano chiede nella lettera, con la quale contesta l’avvenuta esclusione di Taranto dall’itinerario francigeno, indirizzata al presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, all’assessore regionale all’Industria turistica e culturale, Loredana Capone, e inviata anche al presidente della Giunta regionale, Michele Emiliano, al direttore del dipartimento Turismo-Economia della cultura e valorizzazione del territorio, Aldo Patruno, e al presidente dell’Associazione europea Vie Francigene, Massimo Tedeschi.

“Con l’approvazione della mozione - spiega Liviano - la Giunta regionale si impegnava a rivedere la scelta del percorso pugliese delle vie Francigene, compiuta con sua la deliberazione n. 1174 del luglio 2013, e ad includere anche il territorio di Taranto e della sua provincia. A tale impegno - aggiunge nella lettera il consigliere regionale tarantino - non è stato dato seguito tanto è vero che nel protocollo d’intesa tra Regione Puglia e Associazione europea delle Vie Francigene sull’Estensione alla via Francigena nel Sud della certificazione di Itinerario culturale del Consiglio d’Europa”, approvato con D.G.R. n. 190 del 14/02/2017, non vi è traccia di riferimenti al territorio jonico, nonostante, appunto, una diversa volontà espressa dal Consiglio Regionale all’atto dell’approvazione della mozione a mia firma. Tale dimenticanza, - sottolinea con forza Liviano - oltre a rappresentare un danno per il territorio di Taranto e la sua provincia, che risulta pertanto privato della possibilità di partecipare alle misure di valorizzazione, promozione e recupero destinate a tali itinerari, costituisce anche una negazione di verità storicamente accertate e ampiamente documentabili che attestano la centralità dell’area jonica negli itinerari religiosi percorsi in epoca medioevale”.
Infatti, fa presente Liviano, un lungo tratto della via Francigena coincide con la via Appia (Roma-Taranto-Brindisi), considerata l’asse principale di tutte le comunicazioni dell’Impero Romano, che conservò il suo ruolo di arteria di comunicazione durante tutto il Medioevo.
Taranto era inoltre crocevia di un fitto reticolo viario che comprendeva ben cinque arterie principali (la via Appia da Roma, la via Appia per Brindisi, la mulattiera per Bari, la via per il Salento e quella per il Bruzio) nonché numerose strade secondarie utilizzate dai pellegrini per recarsi a Roma, Santiago di Compostela, presso la Grotta dell’Arcangelo Michele sul Gargano e presso una serie di santuari minori.
“L’utilizzo da parte dei pellegrini diretti in terra Santa dell’ultimo tratto della via Appia, da Taranto a Brindisi, - scrive il consigliere regionale - è testimoniato da numerose fonti storiche, tra cui l’“Itinerarium Bernardi monachi Franci”, documento storico di grande importanza che attesta le tappe di viaggio di un monaco bretone dell’Abbazia di Mont Saint-Michel che compì un pellegrinaggio in Terrasanta tra l’867 e l’870, imbarcandosi proprio da Taranto, e l’Itinerarium Burdigalense del 333 d.C, che costituisce il più antico racconto conosciuto di un itinerario cristiano, scritto da un anonimo pellegrino durante il viaggio da Burdigala, l’attuale Bordeaux, fino a Gerusalemme. Lo stesso San Cataldo, patrono di Taranto, era un monaco irlandese di ritorno da un pellegrinaggio in Terra Santa, che sbarcò a Taranto “sub habitu peregrini”.

Cerca nel giornale

Pubblicità

Fatti Opinioni e Appuntamenti

  1. Editoriali
  2. Opinioni
  3. Appuntamenti
Image E ora tutti a PONTIficare!
Giovedì, 16 Agosto 2018
Siamo come nel dopoguerra ma continuiamo a distruggere anziché (ri)costruire Read More...
Image Pulita l'area da noi segnalata; a breve un'azione più stutturale
Venerdì, 03 Agosto 2018
  Intervento spot in emergenza dopo le tante segnalazioni; l'assessore Cataldino assicura che a breve la cura del verde pubblico sarà garantita... Read More...
Image L'Ilva chiude a settembre, forse no, ma.....
Giovedì, 02 Agosto 2018
  I Commissari straordinari hanno confermato ufficialmente ciò che è noto ormai a tutti: manca la liquidità, e non solo quella. "Un paese... Read More...
Image Ilva: mala tempora currunt
Mercoledì, 25 Luglio 2018
    Read More...
next
prev

Politica

  1. Locale
  2. Nazionale
  3. Regionale
  4. Dal Mondo
Image Biella si dimette da segretario cittadino di Forza Italia
Sabato, 22 Settembre 2018
  "Torno a vestire – dopo questa parentesi di impegno politico – il mio solito “abito” di giornalista indipendente." Read More...
Image In corso nuovo attentato a Parigi
Giovedì, 20 Aprile 2017
  1 poliziotto morto e uno ferito; anche un attentatore sarebbe stato ucciso Read More...
Image Altro camion sulla gente: questa volta a Stoccolma
Venerdì, 07 Aprile 2017
E' avvenuto alle ore 15 di oggi bilancio provvisorio di alcuni morti e decine di feriti Read More...
next
prev

Meteo

Meteo Puglia

Redazione Calabria

I nostri video

Informazioni

 www.oltreilfatto.it
 Tribunale di Taranto nr. 2/2015
 Editore: Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze

 via Principe Amedeo 378 - 74121 Taranto

Partita IVA 02754720734 - REA TA - 187168
Direttore Responsabile: dott. Francesco Ruggieri
e-mail: redazione@oltreilfatto.it

Opinion Maker

Chi sono gli Opinion Maker? Vuoi diventarlo? leggi QUI

 

VISITE

Copyright

2016 Tutti i diritti riservati Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze l'utilizzo anche parziale dei contenuti (testi , foto, video) è consentita solo su epressa autorizzazione e previo citazione della fonte.