-------Oggi è: --------

sbarco

 

Nel pomeriggio di ieri, al termine di mirate indagini, gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del Collocamento in Comunità emessa dal G.I.P. presso il Tribunale per i Minorenni di Taranto nei confronti di un 17enne originario del Ghana.

Il minore è gravemente indiziato di associazione a delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina nello Stato Italiano, per aver promosso ed organizzato in Niger, Libia ed Italia, sino al maggio 2017, insieme ad altre persone al momento ignote , il trasporto di stranieri nel territorio dello Stato – tra cui minori - esponendoli a pericolo per la vita e l’incolumità e sottoponendoli a trattamenti inumani e degradanti.

Le indagini sono partite immediatamente dopo lo sbarco di 952 migranti tutti di origine nordafricana giunti nel porto di Taranto lo scorso 22 maggio a bordo della nave della Guardia Costiera “U.DICIOTTI”.

Nei giorni immediatamente successivi allo sbarco, i polizotti in servizio presso il locale HOT SPOT sono intervenuti per sedare una lite scoppiata tra alcuni giovani stranieri, fra i quali l’indagato, accusato dagli altri di essere uno dei carcerieri operanti in un ghetto di Sabah, in Libia, all’interno di una sorta di "prigione" nella quale erano stati tutti rinchiusi e sottoposti a minacce e percosse, e dai cui riuscivano ad allontanarsi solo dopo aver versato del denaro.

Gli stranieri coinvolti nella lite, nel corso delle testimonianze rese ai polizotti, hanno riferito di essere stati costretti a vivere per giorni ammassati in una stanza di pochi metri quadri, guardati a vista da carcerieri armati .

Le condizioni di vita raccontate erano tremende, ricevendo da mangiare solo una volta al giorno, da una ciotola che serviva per più persone.

Il diciasettenne ghanese è stato indicato come nipote di uno dei capi della prigione e come colui che intimava ai migranti di telefonare ai propri parenti, per poi bastonarli mentre erano al telefono in modo tale da far ascoltare ai loro stessi familiari quanto subivano per convincerli a mandare il denaro necessario alla traversata in Italia.

 

Cerca nel giornale

Pubblicità

Fatti Opinioni e Appuntamenti

  1. Editoriali
  2. Opinioni
  3. Appuntamenti
Image Ci mancava lo "stappo della bottiglia"
Mercoledì, 27 Giugno 2018
   Ci mancava lo "stappo della bottiglia" Read More...
Image Non chiamiamoli parcheggiatori
Mercoledì, 27 Giugno 2018
Tentata estorsione in piazza castello: ma nessuno vede? Read More...
Image Ilva: il lavoro (e il business) prima di tutto. E il resto poi si vede
Mercoledì, 20 Giugno 2018
Deluse le speranze di chi vedeva nel governo giallo-verde un vero cambiamento di rotta rispetto all'acciaieria. Almeno al momento Read More...
Image Se prima ero solo a scrivere le lettere adesso siamo in tanti a scrivere le lettere
Venerdì, 15 Giugno 2018
Pioggia di lettere indirizzate al ministro Centinaio; ma il vero problema non sono le vacanze del ministro.......... Read More...
next
prev

Politica

  1. Locale
  2. Nazionale
  3. Regionale
  4. Dal Mondo
Image In corso nuovo attentato a Parigi
Giovedì, 20 Aprile 2017
  1 poliziotto morto e uno ferito; anche un attentatore sarebbe stato ucciso Read More...
Image Altro camion sulla gente: questa volta a Stoccolma
Venerdì, 07 Aprile 2017
E' avvenuto alle ore 15 di oggi bilancio provvisorio di alcuni morti e decine di feriti Read More...
next
prev

Meteo

Meteo Puglia

Redazione Calabria

I nostri video

Informazioni

 www.oltreilfatto.it
 Tribunale di Taranto nr. 2/2015
 Editore: Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze

 via Principe Amedeo 378 - 74121 Taranto

Partita IVA 02754720734 - REA TA - 187168
Direttore Responsabile: dott. Francesco Ruggieri
e-mail: redazione@oltreilfatto.it

Opinion Maker

Chi sono gli Opinion Maker? Vuoi diventarlo? leggi QUI

 

VISITE

Copyright

2016 Tutti i diritti riservati Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze l'utilizzo anche parziale dei contenuti (testi , foto, video) è consentita solo su epressa autorizzazione e previo citazione della fonte.