-------Oggi è: --------

 riceviamo e pubblichiamo

Borraccino, Formazione professionale, serve un cambio di passo

 

Formazione professionale, serve un cambio di passo. Serve un cambio di passo e forse di dirigenza nel settore della Formazione professionale pugliese, oramai ferma e con un arretrato di lavoro. Tanti i bandi che stentano a partire,  e ciò non agevola certo i cittadini pugliesi che hanno bisogno di riqualificarsi, oltre a nuocere a tantissime piccole realtà del settore che si occupano di Formazione, che sono a rischio chiusura. Un esempio lampante, di come la dirigenza governi la Formazione professionale, è dato dalla paradossale vicenda del Bando per l’Inclusione sociale delle persone in esecuzione penale, un bando emanato a marzo dello scorso anno che è ancora fermo, a causa di numerose incongruenze tecniche che hanno portato alla sospensione della graduatoria emessa alla fine di ottobre scorso. Dopo la pubblicazione della graduatoria infatti sono pervenute, da parte di soggetti coinvolti nella procedura, numerose richieste di riesame e di segnalazione di errori formali. Errori tecnici che certamente non competono  all’assessore ma agli uffici, che hanno un responsabile! Si attende quindi da circa un anno la possibilità di poter fornire questo tipo di  formazione, e tutto ciò è molto grave! L’importante misura avrebbe dovuto coinvolgere persone nell’area penale, cioè detenuti, che avrebbero partecipato a corsi di formazione per acquisire qualifiche professionali. Un totale di 23 corsi, che avrebbe coinvolto e reinserito in un percorso di normalità ben 530 tra detenute e detenuti, grazie a quel  progetto. L’Avviso 1/2017 aveva un impegno di spesa totale di oltre 2 milioni di euro.  Sarebbe servito a far acquisire la qualifica utile per entrare nel mondo del lavoro, agevolando la semilibertà di detenuti e contemporaneamente far percepire un’indennità media complessiva di 4.500  euro, per corsi di formazione di  900 ore, cui veniva riconosciuto  un rimborso  di 5euro all’ ora, a detenuto, utile certamente anche alle famiglie dei cittadini stessi privati della libertà. Che dire? Un ritardo inspiegabile, negativo  dal punto di vista sociale per l’alto valore formativo insito nelle finalità del progetto,  cui occorre riparare al più presto, superando gli  specifici problemi tecnici.  Mi chiedo cosa attende il Presidente Emiliano, sempre pronto a vigilare su questi temi, a prendere decisioni importanti dal punto di vista tecnico/dirigenziale: perché di questo si tratta! Occorre consentire  ad un settore strategico, quale quello della Formazione,  di poter essere fruito  agevolmente dai cittadini pugliesi, cosa che in questi ultimi tempi è mancata.

Mino Borraccino

Sinistra Italiana/LiberiEUguali

Cerca nel giornale

Pubblicità

Politica

  1. Locale
  2. Nazionale
  3. Regionale
  4. Dal Mondo
next
prev

Meteo

Meteo Puglia

Redazione Calabria

I nostri video

Informazioni

 www.oltreilfatto.it
 Tribunale di Taranto nr. 2/2015
 Editore: Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze

 via Principe Amedeo 378 - 74121 Taranto

Partita IVA 02754720734 - REA TA - 187168
Direttore Responsabile: dott. Francesco Ruggieri
e-mail: redazione@oltreilfatto.it

Opinion Maker

Chi sono gli Opinion Maker? Vuoi diventarlo? leggi QUI

 

VISITE

Copyright

2016 Tutti i diritti riservati Studio Ruggieri Comunicazione e Consulenze l'utilizzo anche parziale dei contenuti (testi , foto, video) è consentita solo su epressa autorizzazione e previo citazione della fonte.